Archivio dell'autore: fabio alberti

Premessa

I pesanti tagli dei fondi effettuati dai governi Berlusconi e Monti e il cosiddetto “patto di stabilità” colpiscono fortemente i Comuni e i loro bilanci. Alemanno (che ha condiviso fino in fondo i tagli di Berlusconi) ha cercato di scaricare … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 00 Premessa | 3 commenti

1. Un “Piano straordinario per il lavoro”.

Di fronte a oltre 700.000 disoccupati, cassaintegrati e precari (specialmente giovani) occorre un “Piano straordinario per il lavoro a Roma”, basato su progetti ed investimenti pubblici. Creare lavoro si deve: per la riconversione energetica ed ecologica della Città, per la … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , | Lascia un commento

2. Ripristino dell’Osservatorio per la qualità e la sicurezza del lavoro

. Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , | 1 commento

3. Sostenere l’Altra economia.

Serve un concreto sostegno (investimenti, appalti pubblici, incentivi tariffari e normativi, piani di sviluppo, etc.) all’agricoltura biologica, al turismo sostenibile, al software libero, alla finanza etica, al risparmio energetico, al riuso e riciclo di materiali e oggetti, alla produzione culturale … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

4. Sostenere l’occupazione femminile e giovanile.

Le imprese, le cooperative, gli artigiani che assumono stabilmente donne e giovani disoccupati ed inoccupati devono essere sostenuti: il Comune può farlo con forme di incentivazione contributiva e riservando a chi assume a tempo indeterminato delle quote negli appalti comunali. … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , | Lascia un commento

5. Usare Formazione Professionale e Apprendistato per creare nuova occupazione.

La Formazione Professionale per adulti presso i Centri Provinciali e Comunali può consentire un uso socialmente vantaggioso delle risorse provenienti dai Fondi strutturali europei, anche nella prospettiva della nuova Città Metropolitana. Una nuova idea di Apprendistato (professionalizzante e di alta … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

6. Il Commercio al servizio della Città.

Occorre bloccare l’insediamento di nuovi mega-centri commerciali e revocare le Ordinanze comunali che hanno permesso la liberalizzazione selvaggia dei giorni e degli orari di apertura (cioè l’assenza di vincoli della giornata lavorativa per i lavoratori e le lavoratrici del commercio) … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , | 2 commenti

7. Difendere e valorizzare l’Agro romano: il polmone verde e alimentare di Roma.

Si devono bloccare le edificazioni sui terreni agricoli e assegnare in affitto i terreni pubblici a cooperative di giovani che vogliano coltivarli. Nel Piano Regolatore va inserito l’asse strategico del ‘sistema del verde’ come ordinatore del tessuto urbano e non … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , , | 3 commenti

8. Un “sistema” comunale dei mercati rionali.

E’ necessaria un’azienda speciale del Comune, con la partecipazione degli operatori e del ‘Centro Agroalimentare Roma’ (CAR), a cui affidare i mercati rionali. L’obiettivo è creare una “rete” che agisca come un sistema unico, dotato di un proprio marchio pubblico … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

9. Roma open source.

Si sostituisca in tutte le amministrazioni pubbliche il software proprietario con programmi open source; è questo il volano per una transizione di tutta la Città al software libero e all’accesso gratuito alla rete (vedi sotto Punto 37), che si potrà … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ | Contrassegnato , , , | 1 commento

10. Una IMU proporzionale al reddito, e non sulla prima casa.

Il Comune può, e deve, ridurre il peso delle tasse sulle fasce deboli e per far questo basta aumentare la tassazione della rendita e delle grandi ricchezze, L’IMU deve essere proporzionata al reddito (secondo l’art.53 della Costituzione: “Il sistema tributario … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 02 COMINCIAMO A REDISTRIBUIRE IL REDDITO IN BASE A CRITERI DI GIUSTIZIA SOCIALE: CHI HA DI PIU’ DEVE PAGARE DI PIU’ CHI HA DI MENO NON DEVE PAGARE | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

11. Patrimoniale comunale e riforma del fisco locale.

Per finanziare le opere pubbliche e gli investimenti del Comune (vedi sopra Punto 1) vogliamo una “imposta di scopo” progressiva sui patrimoni di oltre 1 milione di euro, e un’addizionale Irpef progressiva. Occorre introdurre l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 02 COMINCIAMO A REDISTRIBUIRE IL REDDITO IN BASE A CRITERI DI GIUSTIZIA SOCIALE: CHI HA DI PIU’ DEVE PAGARE DI PIU’ CHI HA DI MENO NON DEVE PAGARE | Contrassegnato , | 1 commento

12. Verso il “Reddito sociale di cittadinanza”.

Il Comune di Roma deve contribuire all’istituzione del “Reddito sociale di cittadinanza” attraverso la gratuità dei servizi erogati a soggetti in difficoltà economiche, sulla base dell’ISEE puntuale. L’accesso ai mezzi pubblici, ai musei, alle strutture ricreative comunali etc. per i … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 02 COMINCIAMO A REDISTRIBUIRE IL REDDITO IN BASE A CRITERI DI GIUSTIZIA SOCIALE: CHI HA DI PIU’ DEVE PAGARE DI PIU’ CHI HA DI MENO NON DEVE PAGARE | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

13. Per una riconversione ecologica ed energetica

. Il Comune deve investire nelle energie alternative e nell’edilizia di conservazione e di ristrutturazione ecocompatibile e per l’aumento dell’efficienza energetica degli edifici; deve procedere subito alla solarizzazione generalizzata dei tetti degli edifici pubblici, delle piscine e delle palestre comunali, … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 03 PER LA RICONVERSIONE ECOLOGICA ED ENERGETICA DI ROMA (CHE CREA LAVORO E MIGLIORA LA QUALITA’ DELLA VITA) | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

14. Creazione di un polo di ricerca pubblico per il risparmio energetico.

Ci serve un polo di ricerca pubblico, fondato sulla collaborazione con le università pubbliche e i centri di ricerca romani, dove ricercatori, istituzioni e imprese si confrontino e producano innovazione nel campo del risparmio energetico, della bioedilizia, delle tecnologie del … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 03 PER LA RICONVERSIONE ECOLOGICA ED ENERGETICA DI ROMA (CHE CREA LAVORO E MIGLIORA LA QUALITA’ DELLA VITA) | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

15. Piano “rifiuti-zero”.

Occorre giungere al recupero, riuso e riciclo integrale dei rifiuti: “rifiuti zero”!. Ciò è possibile con politiche di riduzione dei rifiuti, con la raccolta differenziata porta a porta, con impianti di compostaggio in aree rurali e impianti per il riciclaggio … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 03 PER LA RICONVERSIONE ECOLOGICA ED ENERGETICA DI ROMA (CHE CREA LAVORO E MIGLIORA LA QUALITA’ DELLA VITA) | Contrassegnato , , | 4 commenti

16. Fermare il consumo del suolo.

Occorre una moratoria delle concessioni edilizie per nuove edificazioni e una variante generale al Piano Regolatore di riduzione delle cubature, l’abolizione delle deroghe e della nozione dei diritti edificatori, l’innalzamento degli oneri concessori (fino all’effettiva copertura dei costi di urbanizzazione) … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 04 FERMARE LA RENDITA IMMOBILIARE: “CONSUMO DI SUOLO ZERO”! | Contrassegnato , | 3 commenti

17. Tassare la rendita fondiaria.

Tramite una specifica autonomia impositiva, la Città Metropolitana dovrà tassare la rendita, traendone risorse da redistribuire alla cittadinanza e rompendo il blocco di potere economico della speculazione edilizia e i suoi storici legami con la politica romana. Si deve disincentivare, … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 04 FERMARE LA RENDITA IMMOBILIARE: “CONSUMO DI SUOLO ZERO”! | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

18. Riconversione/Riuso/Ristrutturazione.

Mettere in atto un “Piano straordinario di recupero delle periferie e del centro storico” (che può produrre molta buona occupazione), Il Comune deve recuperare, restaurare e restituire alla collettività cittadina, per finalità sociali e con procedure partecipate, l’ingente patrimonio pubblico … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 04 FERMARE LA RENDITA IMMOBILIARE: “CONSUMO DI SUOLO ZERO”! | Contrassegnato , | Lascia un commento

19. Riprendere il progetto della chiusura di Via dei Fori Imperiali.

Chiudere al traffico Via dei Fori Imperiali ed eliminare di Via dei Cerchi per unificare finalmente Circo Massimo e Palatino, creando il Parco Archeologico Centrale e restituendo un’area irripetibile alla collettività universale, alla cultura, al turismo, alla difesa e alla … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 04 FERMARE LA RENDITA IMMOBILIARE: “CONSUMO DI SUOLO ZERO”! | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

20. Decentramento delle funzioni direzionali.

Le funzioni direzionali e amministrative vanno spostate dal centro della Città verso poli decentrati, bloccando nel contempo il devastante allargamento della “città politica” nel Centro storico, le funzioni abitative e produttive vanno riequilibrate (no a quartieri dormitorio nella periferia e … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 04 FERMARE LA RENDITA IMMOBILIARE: “CONSUMO DI SUOLO ZERO”! | Contrassegnato | 1 commento

21. Servizi sociali.

Occorre definire immediatamente i Livelli Essenziali di Assistenza Sociale (LIVEAS), adottandoli come variabile indipendente, cioè dimensionano su di essi il “Piano Regolatore Sociale” e gli stanziamenti di bilancio. I servizi sociali consolidati (ad es. gli Asili nido, vedi Punto 22) … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 05 GARANTIRE A TUTTI E A TUTTE I DIRITTI SOCIALI E LA CASA | Contrassegnato , | Lascia un commento

22. Adeguare la rete di asili nido comunali.

Poter fruire dell’asilo- nido è un diritto, dei bambini e delle bambine non meno che dei genitori (e delle mamme in particolare). Occorre bloccare la concessione degli asili nido ai privati, e adeguare gli asili comunali alla necessità effettiva, considerandoli … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 05 GARANTIRE A TUTTI E A TUTTE I DIRITTI SOCIALI E LA CASA | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

23. Un tetto per tutti: la casa è un diritto, non un’emergenza.

Dobbiamo creare un fondo per l’Edilizia Pubblica e il recupero urbano per edilizia popolare, con l’utilizzo degli alloggi IPAB, di proprietà pubblica e degli enti previdenziali, il riuso di parte delle caserme e delle scuole dismesse, la requisizione delle case … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 05 GARANTIRE A TUTTI E A TUTTE I DIRITTI SOCIALI E LA CASA | Contrassegnato , | 3 commenti

24. Lotta ai canoni neri e agli sfratti.

Gli “affitti in nero” debbono essere portati alla luce (anche con l’istituzione di sportelli di informazione nei Municipi) e tassati, garantendo gli inquilini che li denunciano dal ricatto dello sfratto. I proventi del recupero dell’evasione fiscale serviranno per rifinanziare i … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 05 GARANTIRE A TUTTI E A TUTTE I DIRITTI SOCIALI E LA CASA | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

25. Recuperare i beni comuni e restituirli ai cittadini,

Il patrimonio edilizio pubblico appartiene alla collettività e ad essa deve tornare, con una procedura partecipata di individuazione delle loro destinazioni ad uso sociale, a cominciare da campi trincerati, dai depositi ed edifici ATAC, dalle caserme e dalle scuole dismesse, … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 06 ROMA “BENE COMUNE” DA DIFENDERE E VALORIZZARE | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

26. Ripubblicizzare (e ripulire) le aziende locali.

Ama, Atac, Zetema, etc. devono essere pubbliche, come anche quelle irresponsabilmente privatizzate negli anni scorsi; occorre trasformarle in Aziende speciali della Città Metropolitana. Sottratte alla gestione clientelare di Alemanno e gestite bene (vedi sotto Punto 40), queste aziende non solo … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 06 ROMA “BENE COMUNE” DA DIFENDERE E VALORIZZARE | Contrassegnato , , , , | 1 commento

27. L’acqua è un bene comune: il referendum non si tocca!

Occorre scorporare il servizio idrico da ACEA affidandolo ad una azienda speciale pubblica e rivedere la tariffa, rendendola progressiva ed escludendo la remunerazione del capitale, per dare piena attuazione a quanto deliberato dal referendum del 2011. Ma occorre anche un’opera … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 06 ROMA “BENE COMUNE” DA DIFENDERE E VALORIZZARE | Contrassegnato , , | 3 commenti

28. Il mare bene comune.

Occorre una nuova politica per il mare di Roma, per tutelare e sviluppare un prezioso bene comune che finora è stato sottratto dai privati alla collettività, sottoposto a una feroce speculazione edilizia ed esposto all’infiltrazione mafiosa. Deve essere rinaturalizzata l’area … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 06 ROMA “BENE COMUNE” DA DIFENDERE E VALORIZZARE | Contrassegnato , , | Lascia un commento

29. Rilanciare il trasporto pubblico (ma sul serio).

Roma muore di traffico privato, che significa inquinamento, gravi danni alla salute ed enormi perdite di tempo di vita. Per uscirne è necessario invertire il rapporto tra mobilità privata e collettiva (ora è 70 a 30!). E’ possibile farlo: creando … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 07 UN ALTRA MOBILITA’ E’ POSSIBILE (E IL PROBLEMA DEL TRAFFICO SI PUO’ RISOLVERE) | Contrassegnato , , | 4 commenti

30. Torniamo a usare il nostro Tevere.

Con strutture e mezzi ecocompatibili, vogliamo rendere navigabile l’intero fiume Tevere. Avremo così una straordinaria via di trasporto urbano (da Labaro a Vitinia almeno, passando per Flaminio, Prati, San Pietro, Trastevere, Marconi e Magliana), una via fluviale collegata alla rete … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 07 UN ALTRA MOBILITA’ E’ POSSIBILE (E IL PROBLEMA DEL TRAFFICO SI PUO’ RISOLVERE) | Contrassegnato , , | Lascia un commento

31. Rivedere il Piano Urbano Parcheggi.

Il Piano Urbano Parcheggi (PUP) ha devastato alcune piazze della Città nell’interesse esclusivo di pochi privati, incoraggiando l’uso dell’automobile e senza risolvere il problema del parcheggio, I PUP in via di realizzazione, contro cui si battono i Cittadini, vanno fermati! … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 07 UN ALTRA MOBILITA’ E’ POSSIBILE (E IL PROBLEMA DEL TRAFFICO SI PUO’ RISOLVERE) | Contrassegnato , , | 2 commenti

32. Una rete di Metropolitane leggere e di superficie.

Per le periferie e la cintura serve una rete di metropolitane leggere e di superficie, che prolunghino e incrocino le metropolitane esistenti per collegare l’area metropolitana con la metropoli e le periferie con il centro storico e tra di loro. … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 07 UN ALTRA MOBILITA’ E’ POSSIBILE (E IL PROBLEMA DEL TRAFFICO SI PUO’ RISOLVERE) | Contrassegnato , , | Lascia un commento

33. Dare piena attuazione alla delibera sulla partecipazione.

Occorre dare subito piena attuazione alla Delibera sulla partecipazione alle scelte urbanistiche, con la realizzazione della Casa della Città e delle Case dei Municipi, E’ necessaria una verifica referendaria delle conclusioni delle consultazioni, l’assistenza tecnica ai Comitati di cittadini, la … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 08 ROMA CAPITALE DELLA DEMOCRAZIA E DELLA PARTECIPAZIONE | Contrassegnato , , | Lascia un commento

34. Sostenere l’autonomia dell’autorganizzazione popolare.

Tutte le forme di mobilitazione e auto-organizzazione sociale dei Cittadini debbono essere sostenute dal Comune con l’offerta gratuita di servizi che ne permettano e ne facilitino l’attività: sedi, sale, tariffe dedicate, esenzioni fiscali, affissioni, servizi di assistenza, ecc. La trasparenza … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 08 ROMA CAPITALE DELLA DEMOCRAZIA E DELLA PARTECIPAZIONE | Contrassegnato , , | Lascia un commento

35. Un processo democratico per la creazione di una vera Città Metropolitana.

Con l’estensione della Città Metropolitana oltre i confini attuali del Comune, è necessario che le Municipalità siano messe in grado di essere veri Enti di governo decentrato e assumano all’interno della Città Metropolitana lo stesso livello d’autonomia dei Comuni. Occorre … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 08 ROMA CAPITALE DELLA DEMOCRAZIA E DELLA PARTECIPAZIONE | Contrassegnato , , | Lascia un commento

36. Istituire i Consigli di Quartiere, opporsi alla mortificazione della democrazia.

All’interno dei Municipi vogliamo istituire i Consigli di Quartiere, con la partecipazione diretta dei Cittadini e delle forze sociali; i Consigli debbono avere funzioni propositive e non soltanto consultive ma anche decisionali e di autogoverno in ambiti definiti. Occorre contrastare … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 08 ROMA CAPITALE DELLA DEMOCRAZIA E DELLA PARTECIPAZIONE | Contrassegnato , , , , | 1 commento

37. Roma Open Data e “cittadinanza informatica” per tutti.

Vogliamo il trasferimento on-line di tutti i dati e i documenti prodotti dall’Amministrazione capitolina: i bilanci e i piani strategici delle aziende partecipate, i curricula di tutti i rappresentanti nominati nei luoghi di indirizzo politico ed economico della Città, i … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 08 ROMA CAPITALE DELLA DEMOCRAZIA E DELLA PARTECIPAZIONE | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

38. Lotta alla corruzione e alle mafie.

Gli anni di Berlusconi e di Alemanno ci hanno insegnato, se ce ne fosse stato bisogno, la necessità di lottare contro i legami fra politica e mafie. Il Comune deve recepire il Codice Etico per gli amministratori locali (“Carta di … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 09 LOTTARE CONTRO LA CORRUZIONE E LE MAFIE PER UNA NUOVA ETICA POLITICA E AMMINISTRATIVA | Contrassegnato , , | 4 commenti

39. Rendere trasparenti i debiti di Roma.

Occorre interrompere l’anomalia della doppia gestione (straordinaria e ordinaria) del Comune di Roma, realizzare un “Audit Pubblico” sul Debito e un’analisi pubblica e trasparente delle spese complessive dell’Amministrazione capitolina; ciò serve per valutare come è composto il debito, chi è … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 09 LOTTARE CONTRO LA CORRUZIONE E LE MAFIE PER UNA NUOVA ETICA POLITICA E AMMINISTRATIVA | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

40. Riformare la governance delle aziende comunali.

Si deve riformare drasticamente la governance delle aziende della Città Metropolitana trasformando le SpA in aziende speciali, abolendo completamente i Consigli di Amministrazione (e i loro enormi costi) e attribuendo direttamente al Consiglio Comunale i poteri di indirizzo e controllo. … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 09 LOTTARE CONTRO LA CORRUZIONE E LE MAFIE PER UNA NUOVA ETICA POLITICA E AMMINISTRATIVA | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

41. Roma per la libertà di stampa diffusa.

Proponiamo di effettuare un censimento della stampa di base e territoriale presente a Roma per dare luogo a un Albo e costituire un’agenzia per la raccolta della pubblicità da distribuire in modo equanime alle varie testate autogestite. Il Comune di … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 09 LOTTARE CONTRO LA CORRUZIONE E LE MAFIE PER UNA NUOVA ETICA POLITICA E AMMINISTRATIVA | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

42.Roma Capitale della produzione di cultura.

Il Comune deve assumere la produzione della cultura come asse centrale di una politica di cambiamento della Città, La cultura è un diritto, ma rappresenta anche una opportunità di lavoro stabile e qualificato; cultura dunque anche come risorsa, per una … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , , | 3 commenti

43.Salvare e rilanciare Cinecittà.

Cinecittà torni ad essere un’istituzione a maggioranza pubblica, con la partecipazione anche degli enti locali, garantita da finanziamenti certi, per essere un volano della produzione cinematografica di qualità, e promuovere lo sviluppo della cinematografia a Roma anche con l’insediamento di … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , | Lascia un commento

44. Garantire alle periferie la vita culturale.

Si deve garantire alle periferie la vita culturale che è stata loro negata dalla politica accentratrice dei “grandi eventi”, dotando l’insieme della Città di una rete capillare di luoghi della produzione e della fruizione culturale, dello sport, della socialità e … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , , | Lascia un commento

45. Sostenere il turismo anche per le fasce popolari e per i giovani.

Il Comune deve operare per “spalmare” le presenze dei turisti anche nelle periferie di Roma (favorendo il ‘bed and breakfast’ presso le famiglie) e verso i Comuni della fascia di cintura, che possono costituire un corollario turistico importante, decongestionando i … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , , | 1 commento

46. Usare altrimenti i soldi pubblici oggi regalati alle scuole private

Si debbono azzerare i contributi dati dal Comune alle scuole private (che sono anticostituzionali: vedi art. 33 della Costituzione) e utilizzare quei fondi per la qualificazione dell’offerta formativa negli asili e nelle scuole pubbliche (vedi sopra Punto 22) e, in … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , , , | 1 commento

47. Il Comune a sostegno della scuola pubblica

Il Comune deve azzerare il costo degli abbonamenti ai mezzi pubblici per tutti gli studenti; garantire l’assistenza specialistica (AEC) agli studenti con disabilità grave; estendere il tempo pieno nella scuola per l’infanzia e nella scuola primaria. Occorre aumentare il contributo … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , , , | 3 commenti

48. Sviluppare lo sport per tutti e le palestre popolari

Lo sport deve essere per tutti. Per questo occorre rivedere i regolamenti per le concessioni degli impianti, delle piscine e delle palestre scolastiche (favorendo l’apertura serale e l’accesso gratuito) e ripensare il piano Punti Verdi Qualità. Si deve avviare (a … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT | Contrassegnato , , | Lascia un commento

49. Riconoscere e garantire i diritti di scelta

Il Comune deve favorire il riconoscimento legale delle coppie di fatto istituendo il Registro delle unioni civili; è anche necessario il Registro comunale dei testamenti biologici. Vanno istituiti sportelli pubblici dedicati per tutelare il diritto di scelta della donna in … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 11 ROMA ANTIFASCISTA E CITTA’ APERTA | 2 commenti

50. Utilizzare il “bilancio di genere”

Per valutare gli impatti sull’eguaglianza fra i sessi di tutte le azioni dell’Amministrazione capitolina si istituisca un “bilancio di genere”. Occorre favorire politiche legate al riconoscimento del genere femminile in ogni settore di intervento dell’Amministrazione, a partire dall’assessorato al Bilancio, … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 11 ROMA ANTIFASCISTA E CITTA’ APERTA | Contrassegnato , , | Lascia un commento

51. Roma è antifascista

Interrompere qualsiasi contributo diretto e indiretto alle organizzazioni razziste, fasciste, xenofobe e omofobe, prevedendo la chiusura di quegli spazi che si richiamano al fascismo come Casa Pound. Lo spazio pubblico assegnato da Alemanno a quell’organizzazione fascista deve essere restituito alla … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 11 ROMA ANTIFASCISTA E CITTA’ APERTA | Contrassegnato , | 2 commenti

52. I migranti, una straordinaria risorsa per Roma

Il Comune deve promuovere attivamente la piena integrazione riconoscendo la straordinaria ricchezza culturale e produttiva rappresentata dalla presenza a Roma di oltre 400mila migranti. Servono politiche attive di integrazione per i figli di lavoratori immigrati (i “nuovi romani”) nella scuola … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 11 ROMA ANTIFASCISTA E CITTA’ APERTA | Contrassegnato , , | 2 commenti

53. Roma città aperta alle comunità Rom

Si deve azzerare il fallimentare e razzista “Piano Nomadi” di Alemanno e avviare progetti di inserimento economico e culturale delle comunità Rom e Sinti nella vita cittadina.

Vota:

Pubblicato in 11 ROMA ANTIFASCISTA E CITTA’ APERTA | Contrassegnato , , , | 2 commenti

54. Istituzione della Casa della Pace.

Roma deve riprendere il suo posto nel mondo come Città solidale che favorisce il dialogo e la pace tra i popoli, guardando in particolare al Mediterraneo come luogo politico e geografico in cui svolgere un ruolo di co-sviluppo e di … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in 11 ROMA ANTIFASCISTA E CITTA’ APERTA | Contrassegnato | 1 commento