7. Difendere e valorizzare l’Agro romano: il polmone verde e alimentare di Roma.

Si devono bloccare le edificazioni sui terreni agricoli e assegnare in affitto i terreni pubblici a cooperative di giovani che vogliano coltivarli. Nel Piano Regolatore va inserito l’asse strategico del ‘sistema del verde’ come ordinatore del tessuto urbano e non più come spazio residuale. Un “Consiglio Agricolo e Alimentare” deve funzionare come punto d’incontro tra produttori e consumatori per ricollegare con ‘filiere corte’ l’agro alle necessità alimentari della Città e al bisogno di cibo di qualità; in tal modo si potrà sostituire l’importazione di prodotti destagionalizzati con prodotti freschi, economici ed ecologicamente sostenibili in base al ciclo naturale delle stagioni.

Questa voce è stata pubblicata in 01 IL LAVORO PRIMA DI TUTTO! CREARE LAVORO SI DEVE E SI PUO’ e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a 7. Difendere e valorizzare l’Agro romano: il polmone verde e alimentare di Roma.

  1. Silvio Bruno ha detto:

    Sono d’accordo sul rilancio dell’economia del settore primario (agricoltura), rilancio economico e occupazionale con grandi potenzialità; sono anche d’accordo su una progettazione “verde” della città. Aggiungerei:
    – il tema del “riuso consapevole” degli edifici dismessi, per creare occupazione, economia, nuovi spazi colletivi e di servizio (per lo più in periferia);
    – la predipsosizione di un Piano Ambientale per Roma finalizzato alla riduzione degli sprechi energetici e la mobilità effettivamente sostenibile (non sottovaluterei la elettrica alimentata da centrali fotovoltaiche, e su ferro per ridurre le particelle dovute al consume degli pneumatici);
    – una nuova politica per la casa senza nuove costruzioni, ma con l’ottimizzazione del patrimonio esistente.
    Il tutto però deve essere garantito da regole chiare e trasparenti, certezze senza clientelismi.

    • 54proposte ha detto:

      grazie per il tuo commento. tutte le proposte che indichi individuano e intrecciano proprio il percorso che stiamo costruendo, quello che immagina un’Area metropolitana basata sulla valorizzazione del sistema del verde, sul riutilizzo consapevole degli spazi, su una complessiva riconversione ecologica e energetica della città. E per essere credibile, questo percorso non può che porre nella trasparenza degli atti posti in essere la sua premessa essenziale

  2. Pingback: 54 proposte per cambiare Roma. | coseperunaltromondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...