46. Usare altrimenti i soldi pubblici oggi regalati alle scuole private

Si debbono azzerare i contributi dati dal Comune alle scuole private (che sono anticostituzionali: vedi art. 33 della Costituzione) e utilizzare quei fondi per la qualificazione dell’offerta formativa negli asili e nelle scuole pubbliche (vedi sopra Punto 22) e, in particolare, per la riduzione del costo delle mense scolastiche, allargando le fasce di riduzione o di esenzione totale.

Questa voce è stata pubblicata in 10 FARE DI ROMA UNA CAPITALE DELLA CULTURA DELLA CONOSCENZA E DELLO SPORT e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a 46. Usare altrimenti i soldi pubblici oggi regalati alle scuole private

  1. Renzo ha detto:

    Non solo La città ma anche lo Stato Italiano deve rispettare l’articolo 33 della Costituzione. L’università Bocconi, quella che sforna ministri, non paga l’imu eppure fà da albergo per molte persone, fa pagare rette onerose, fa molte attività di lucro e dovrebbe pagare le tasse come tutti gli italiani e non ricevere alcun beneficio. ” Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...